1 Commento

M.U.O.S made in USA : strumento di morte

antenneLa stazione di telecomunicazioni di Niscemi (Caltanissetta) è attiva dal 1991. Si tratta di una delle infrastrutture militari più estese del territorio italiano: 1.660.000 metri quadri di terreni boschivi e agricoli, entrati nel settembre 1988 nella disponibilità del Demanio pubblico dello Stato – Ramo Difesa Aeronautica Militare, dopo l’acquisizione dalla Olmo S.p.A. di Catania.
La Naval Radio Transmitter Facility di Niscemi assicura le comunicazioni supersegrete delle forze di superficie, sottomarine, aeree e terrestri e dei centri C4I (Command, Control, Computer, Communications and Intelligence) della Marina militare Usa. Un’infrastruttura ad uso esclusivo delle forze armate statunitensi, come scritto nell’Accordo tecnico tra il Ministero della difesa e il Dipartimento della difesa degli Stati Uniti d’America riguardante le installazioni in uso alle forze USA di Sigonella, firmato a Roma il 6 aprile del 2006 dall’ammiraglio N. G. Preston, comandante US Navy per la regione europea e dal generale Mario Marioli dell’esercito italiano. Come si legge nell’accordo, l’uso esclusivo «significa l’utilizzazione dell’infrastruttura da parte della forza armata di una singola Nazione, per la realizzazione di attività relative alla missione e/o a compiti assegnati a detta forza dallo Stato che l’ha inviata». A esplicitare ulteriormente la piena sovranità di Washington, la tabella annessa all’accordo con l’elenco delle infrastrutture di «proprietà ed uso esclusivo» USA a Niscemi: il sito di trasmissione e l’antenna a microonde; l’Helix House e l’antenna a bassa frequenza LF; un magazzino di stoccaggio; un edificio per la protezione antincendio; un serbatoio d’acqua; un’officina di manutenzione elettronica; 37 antenne ad alta frequenza HF.
Continua a leggere »

Lascia un commento

Difendiamo l’Artico da Shell e Gazprom

L’Artico è in pericolo. A minacciarlo è Shell che, dopo aver tentato di trivellare l’Alaska nel 2012 fallendo miseramente, ora punta alla Russia Artica. Il gigante del petrolio ha stipulato un accordo con Gazprom e il presidente russo Vladimir Putin per trivellare a queste latitudini estreme. Vogliamo denunciare i piani di Shell nell’Artico smascherando il tacito accordo stipulato con Gazprom. Lo facciamo con questo video, che apre la seconda fase della campagna.

Fonte:http://www.greenpeace.org/

Lascia un commento

Sito in fase di costruzione

under_construction_by_laalex-d4ahebb

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: